VIKTOR KEE ALLA IULM


VIKTOR KEE ALLA IULM

La Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano ha sempre dato molta importanza ai vari generi dello spettacolo, compreso quello popolare. Negli ultimi anni in particolare questa attenzione si è sviluppata attraverso il rapporto con Open Circus. Il 3 e 4 dicembre 2018 il Corso di Fondamenti di teatro moderno e contemporaneo della professoressa Valentina Garavaglia ospiterà Spettacolo e circo del futuro, un evento che porterà nelle aule di via Bo uno dei massimi esponenti della giocoleria contemporanea: Viktor Kee. Formato alla scuola di Kiev, uno degli istituti più interessanti nell’ex Unione Sovietica, questo artista dimostra sin da subito una tecnica sopraffina arrivando a giocolare dieci palline. A diciassette anni cambia completamente indirizzo, dedicando molto tempo al conseguimento di sincronia tra movimenti e musica: prende lezioni di danza classica, moderna e di musica jazz. Continua ad allenarsi e studiare per perfezionare la sua esibizione, per la quale nel 1994 vince la medaglia d’argento al Festival di Parigi. Da quel momento lavora nelle venue più prestigiose a livello mondiale: Moulin Rouge, Lido di Parigi, Mirage di Las Vegas. A consacrazione di una carriera straordinaria, viene ingaggiato dal Cirque du Soleil, il colosso canadese dell’intrattenimento dal vivo, per lo spettacolo Dralion. Kee plasma uno stile ancora più fluido e con la compagnia presenta quasi tremila repliche. Durante una pausa della tournée, nel 2003 si esibisce al Festival di Monte Carlo e vince il Clown d’Argento. Più recentemente ha preso parte a numerose produzioni internazionali d’altissimo livello, tra le quali lo show Alis di A-Group. È considerato uno dei più innovativi giocolieri della sua generazione.
Grazie a queste iniziative
Open Circus porta il circo in uno dei più importanti centri propulsori del mondo intellettuale italiano, coinvolgendo ogni anno centinaia di studenti tra i quali si nascondono certamente i lavoratori dell’industria culturale del futuro, resi consapevoli dell’immenso patrimonio che lo spettacolo popolare mette a disposizione e coinvolti attivamente dalla passione per l’arena di segatura.

Stacks Image 293534